Il PalaBorsani e la palestra Leonardo da Vinci  dotate di Defibrillatore

Da qualche giorno, le due strutture sportive gestite da C.S.P. srl sono dotate di un defibrillatore semiautomatico esterno (DAE) acquistato in ottemperanza al cosiddetto "decreto Balduzzi" che impone alle società sportive dilettantistiche di dotarsi di tale apparecchio, utile per un immediato intervento in caso di arresto cardiocircolatorio.

La C.S.P. srl a seguito di un incontro con i vari rappresentanti delle società sportive che usufruiscono abitualmente delle strutture per allenamenti e gare aveva deciso di andare incontro alle loro esigenze decidendo di  assumersi interamente l’onere della spesa di acquisto dei defibrillatori a fronte della sottoscrizione di una convenzione di utilizzo con le stesse società.

L’uso dei defibrillatori è disciplinato da rigorose procedure: l’accordo sottoscritto con ogni società sportiva prevede che:

  • siano comunicati preventivamente i nominativi delle persone che hanno seguito il corso di formazione per utilizzare il DAE e sia trasmesso copia di idoneo attestato di abilitazione;
  • almeno una persona abilitata sia sempre presente in palestra durante tutto il periodo di svolgimento delle proprie attività sportive (allenamenti e o partite);
  • il controllo periodico dello stato di efficienza dell’apparecchio resta in capo alla C.S.P. srl a fronte di un canone minimo annuale riconosciuto da ciascuna società quale contributo alla manutenzione.
  • in caso di assenza o mal funzionamento del dispositivo e dell’impossibilità a garantire le condizioni di sicurezza nell’impianto, l’attività sportiva dovrà essere immediatamente sospesa, fino al ripristino delle condizioni originarie di sicurezza.

Il defibrillatore verrà collocato, con apposita cartellonistica per indicarlo, in un armadietto protetto e in una zona ben visibile ed accessibile dell’impianto sportivo.