Si comunica che, tra le modifiche introdotte dal D.L. 50/2017 (convertito in Legge in data 15/06/2017), è presente un ampliamento della disciplina dello “split payment”. Tale disciplina impone, per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti della Pubblica Amministrazione, la scissione dei pagamenti: l’Ente pubblico e - dal 1° luglio - anche le società partecipate da Enti pubblici corrisponderanno ai fornitori il totale della fattura al netto dell’IVA mentre tale imposta sarà versata, dai medesimi enti pubblici e società partecipate, direttamente all’Erario.

Come sopra riportato la nuova norma entra in vigore dal 1° luglio 2017 (la norma fa esplicito riferimento alle fatture emesse a partire da tale data, quindi salvaguardando tutte le fatture emesse entro il 30 giugno).

Con la presente si comunica a tutti i fornitori di beni e servizi che la scrivente C.S.P. Srl, quale società interamente controllata dal Comune di Castellanza ai sensi dell'articolo 2359, comma 1, n. 1), cod. civ., rientra nel regime dello “split payment”.

Ne consegue che, a decorrere dal prossimo 1° luglio, i fornitori (professionisti ed imprese) dovranno emettere fatture con applicazione dello split payment continuando ad esporre l'IVA in fattura; la C.S.P. Srl tuttavia non procederà ad erogare l'importo dell'IVA, in quanto questo sarà trattenuto al fine del successivo versamento diretto (da parte della medesima C.S.P. Srl) all'Erario.

Al fine di una corretta gestione del nuovo meccanismo sopra indicato, tutti i fornitori devono pertanto aggiungere alle fatture la seguente dicitura:

"Operazione soggetta a scissione dei pagamenti - Art. 17-ter del DPR n. 633/1972"